Bullismo e cyberbullismo. Un incontro per genitori ed educatori

Il Circolo Acli di Maerne Olmo invita tutti i genitori e gli educatori a partecipare ad un incontro di confronto con lo psicopedagogista Dott. Salvatore Porcelluzzi dal titolo “Bullismo e cyberbullismo. Conoscere per intervenire” il giorno venerdì 19 ottobre alle ore 18.00 presso l’Oratorio Papa Giovanni XXIII di Olmo di Martellago.

Sarà l’occasione per discutere di un problema molto sentito tra le nuove generazioni e di recente interesse anche tra i genitori e gli educatori in generale. Un pò di informazioni sul bullismo e sul cyberbullismo.

Il termine bullismo deriva dall’inglese bullying, dal verbo to bully, costringere, vessare.  Lo psicologo svedese Dan Olweus è stato il primo a parlarne, oltre 25 anni fa, in seguito ad un duplice suicidio in Norvegia di due studenti che non potevano più sopportare le offese e le prevaricazioni dei loro compagni. Il bullismo è una patologia relazionale che si manifesta attraverso azioni offensive, prevaricazioni, prepotenze, oppressioni (percosse di vario genere ed intensità, parole ingiuriose, allontanamento o esclusione dal gruppo). I ruoli all’interno di una situazione di bullismo sono i seguenti: bullo, vittima, aiutante del bullo, sostenitore del bullo, osservatori indifferenti, difensore della vittima.

Il cyberbullismo può essere definito come l’azione del bullo attraverso la Rete. La prima definizione del cyberbullismo è stata formulata dal canadese Bill Belsey: il cyberbullismo implica l’utilizzo di informazioni e comunicazioni tecnologiche a sostegno di un comportamento deliberatamente ripetitivo ed ostile da parte di un individuo o di un gruppo che intende danneggiare gli altri.

Per informazioni contattare il Circolo Acli di Maerne Olmo al numero 329.9763097.

Scarica la locandina.

Il progetto, realizzato in collaborazione con la Parrocchia di Olmo, è realizzato con le risorse del 5×1000 delle Acli.