Riflettori accesi sul diabete con Fap Acli Venezia e Ulss 3

Fap Acli Venezia, Giornata della Salute a Maerne con l'Ulss 3 Serenissima

Prende il via mercoledì 8 maggio da Maerne un ciclo di quattro Giornate della Salute promosse dall’Ulss 3 Serenissima in con collaborazione con la Fap Acli Venezia. Quattro appuntamenti, tra maggio e settembre, dedicati alla salute e alla sanità dal punto di vista degli anziani, con approfondimenti su patologie e temi di particolare interesse per la terza età condotti dagli esperti dell’azienda sanitaria.

Il primo incontro, organizzato in collaborazione con il Circolo Acli di Maerne Olmo, sarà interamente dedicato al diabete. A partire dalle 17.30 presso l’Oratorio Kolbe, dietro la chiesa parrocchiale di Maerne, si approfondiranno tutti gli aspetti dedicati a questa patologia sempre più diffusa, tanto da essere considerata una vera e propria epidemia dei tempi moderni. Una malattia subdola, che soprattutto all’inizio progredisce quasi in silenzio: spesso dunque la si scopre troppo tardi, con il rischio di cronicità e con pesanti danni per chi ne è colpito. L’incontro dell’8 maggio sarà l’occasione per comprendere come valutare il proprio “stato di rischio” e impedire alla malattia di avere la meglio.

I relatori che interverranno saranno Carlo Da Riva (direttore dell’Unità operativa Malattie endocrine, del ricambio e della nutrizione), Maria Luisa Contin (responsabile del Servizio diabetologico del distretto Mirano-Dolo) e Giuseppe Sartori (presidente Associazione Diabetici della Riviera del Brenta) e Loris Zuin (presidente Associazione Diabetici del Miranese). L’incontro è aperto a tutti, con un invito particolare ai soci Fap Acli.

Il secondo incontro si terrà l’ultima settimana di maggio nell’area di Mestre e sarà dedicato alla prevenzione dei rischi legati al caldo. “Quest’anno – sottolinea Franco Marchiori, segretario della Fap Acli di Venezia – siamo impegnati nell’approfondimento delle tematiche legate alla sanità, per valutare in particolar modo lo stato di salute del sistema sanitario nazionale a quarant’anni dalla sua introduzione. In quest’ottica siamo lieti di questa collaborazione con l’Ulss 3, che rispecchia lo spirito costruttivo che vuole contraddistinguere il nostro impegno a favore dei nostri soci e, in generale, di tutta la nostra comunità”.