800 003 300: un numero verde per i consumatori durante la pandemia

Devi prenotare il vaccino e non sai come fare? Avevi acquistato un biglietto di uno spettacolo poi annullato e vuoi capire come recuperare la spesa? Devi richiedere la sospensione del mutuo o di un finanziamento? Hai bisogno di informazioni per richiedere qualche bonus? Sono davvero tante le domande che i cittadini-consumatori si pongono in questi mesi di pandemia. E tutte le risposte sono alla Lega Consumatori, l’associazione dei consumatori promossa dalle Acli. Alla rete di sportelli fisici (a Venezia presso la sede di via Ulloa 3/A a Marghera, operativo tutti i mercoledì dalle 14.30 alle 18.30) si aggiunge ora il numero verde 800 003 300: un unico riferimento telefonico valido per tutta la regione, a completamento della rete di Covid Information Point messa in campo dalla Lega Consumatori fin dallo scorso dicembre.

Tutti i giorni dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30, sarà possibile chiamare gratuitamente per avere informazioni e assistenza nell’ambito di tutte le problematiche collegate all’emergenza Covid. “È evidente – sottolinea Patrizio Negrisolo, vicepresidente della Lega Consumatori Venezia e referente del numero verde – che la pandemia ha avuto delle ripercussioni pesantissime a livello sanitario ed economico. Ma anche sul versante dei consumatori si sono aperte tante nuove questioni. Pensiamo ad esempio alla complessa questione dei voucher emessi per “rimborsare” iscrizioni a palestre, viaggi o biglietti per eventi culturali e sportivi. Oppure i problemi incontrati da tante persone per pagare le bollette o le rate del mutuo. Con questo servizio contiamo di dare una risposta ai tanti cittadini bisognosi di assistenza, per ribadire l’impego della Lega Consumatori per la tutela dei consumatori”.

Il progetto dei Covid Information Point e del numero verde regionale è finanziato con fondi del Ministero dello Sviluppo Economico nell’ambito del Programma di interventi della Regione Veneto per sostenere i cittadini consumatori nel fronteggiare le conseguenze socio-economiche dell’epidemia da Covid-19.