Proroga per il Reddito di Emergenza: c’è tempo fino al 31 luglio

Sono stati prorogati al 31 luglio i termini per fare richiesta del Reddito di Emergenza, la nuova misura straordinaria di sostegno al reddito introdotta dal Decreto Rilancio a favore delle famiglie che si trovino in condizioni di necessità economica a seguito dell’emergenza coronavirus. Rispetto alla scadenza originaria del 30 giugno c’è dunque un mese in più per presentare le domande.

Il REm è un beneficio economico erogato per due sole mensilità. A seconda della composizione e della situazione economica del nucleo, l’importo di ciascuna mensilità può variare da un minimo di 400 euro (per famiglie composte da una sola persona) fino ad un massimo di 840 euro (per nuclei in cui sono presenti persone in condizioni di disabilità grave o non autosufficienza).

I requisiti per la richiesta del Reddito di Emergenza sono:

  • residenza in Italia;
  • un valore del reddito familiare, nel mese di aprile 2020, inferiore alla soglia stessa del REm che spetterebbe al nucleo;
  • un valore del patrimonio mobiliare familiare con riferimento all’anno 2019 inferiore alla soglia di 10.000 euro (accresciuta di 5.000 euro per ogni componente successivo al primo e fino ad un massimo di 20.000 euro);
  • un ISEE inferiore a 15.000 euro.

È importante ricordare che il REm non è cumulabile con altre forme di sostegno al reddito. In altre parole, non possono fare richiesta del Reddito di Emergenza nuclei familiari al cui interno ci siano beneficiari del Reddito di Cittadinanza o delle varie indennità previste dal Decreto Cura Italia (indennità lavoratori autonomi, stagionali del turismo e degli stabilimenti termali, lavoratori del settore agricolo, lavoratori dello spettacolo) e dallo stesso Decreto Rilancio (indennità per i lavoratori domestici). Similmente, non possono richiedere il REm titolari di pensione diretta o indirettà (ad eccezione degli assegni di invalidità) o i titolari di rapporti di lavoro dipendente con una retribuzione lorda superiore all’importo mensile REm potenzialmente spettante.

Il Patronato Acli è a disposizione per tutte le pratiche necessarie per la presentazione delle domande. Consulta qui l’elenco delle nostre sedi e le modalità per prendere appuntamento, qui le modalità per accedere in sicurezza ai nostri uffici.

(foto Tree photo created by jcomp – www.freepik.com)