Il Natale nasce dalle nostre mani: buone feste dalle Acli di Venezia

Benedette le mani che si aprono ad accogliere i poveri e a soccorrerli:
sono mani che portano speranza.

Benedette le mani che superano ogni barriera di cultura, religione e nazionalità versando olio di consolazione sulle piaghe dell’umanità.
Benedette le mani che si aprono senza chiedere nulla in cambio,
senza “se”, senza “però” e senza “forse”:
sono mani che fanno scendere sui fratelli la benedizione di Dio.

Per inviare a tutti i nostri soci, utenti e amici i migliori auguri per un felice Natale e un sereno anno nuovo, prendiamo a prestito questa preghiera di papa Francesco. Alla fine di un anno così difficile, la nascita di Gesù ci indica ancora più nitidamente la strada dell’amore, dell’attenzione ai nostri fratelli, del prenderci cura dei bisogni di chi è più in difficoltà.

In questo periodo così incerto, in cui tutto ci sembra sopraffare, il Natale ci doni la consapevolezza che anche le nostre mani, le nostre azioni, possono e devono svolgere un’azione fondamentale per curare le ferite delle nostre comunità.

Auguri di cuore, con la fiducia e la speranza che una nuova primavera arrivi presto per tutti noi.