Le Donne della Serenissima

Le Acli Venezia, in collaborazione con il Coordinamento Donne delle Acli, propongono la scoperta di una Venezia poco conosciuta ma di molto interesse culturale e sociale: le Donne della Serenissima.

Attraverso questo percorso si scoprirà una Città all’avanguardia in quanto a concessione di diritti e di spazi alle donne rispetto ad altre realtà contemporanee. Attraverso la vita e le vicende delle più illustri cittadine di Venezia, si andranno a riscoprire i luoghi dove la realtà femminile ha saputo esprimere la propria identità ed emancipazione.

Come Caterina Cornaro (XV secolo) che, dopo essere stata Regina di Cipro, venne accolta da Venezia come figlia in maniera trionfale quando abdicò. O come Elena Lucrezia Corner Piscopia che nel Seicento divenne la prima donna ad ottenere il dottorato al mondo, non però in teologia (come voleva lei) ma in filosofia. O come Sara Copio Sullam (Seicento) denominata la “la bella Ebrea” di Venezia, esperta in teologia, filosofia, in lingue e che ospitava nella sua casa del Ghetto Vecchio un cenacolo di intellettuali e accademici ebrei e non ebrei. O come Elisabetta Caminer (metà Settecento), prima donna al mondo direttore di un giornale “Nuova Gazzetta Veneta”. Senza dimenticare il ruolo delle cortigiane veneziane (le cosiddette Carampane), non semplici prostitute, ma donne erudite e intellettuali come Veronica Franco.

Si parte da Ponte degli Scalzi per poi arrivare, toccando alcuni luoghi caratteristici, alle Carampane nella zona di Rialto. La camminata si conclude con un brindisi alle donne con uno spritz tipico della tradizione veneziana.

PROGRAMMA La visita dura un paio di ore
INFO 380.7569475 oppure valeria.benvenuti@acli.it
PRENOTAZIONI online o presso la Sede Acli di Marghera, Via Ulloa 3/a

Altre proposte culturali. Guarda tutte le proposte culturali delle Acli Venezia.

 

Foto di Marco Mazzei da Flickr